Le motivazioni della Giuria per la determinazione del vincitore del primo concorso letterario dedicato al poeta Giovanni Battista Sicheri:

I tre elaborati pervenuti presentano tutti i requisiti di ammissibilità richiesti dal Bando. La Giuria li ha giudicati di grande interesse sia dal punto di vista dell'impegno profuso che della modalità e serietà della ricerca.

Segnala che l'elaborato presentato da Carla Licata con lo pseudonimo “Ariete” manifesta grande passione per l'opera teatrale del Sicheri privilegiandone, tuttavia, più gli aspetti storico-politici e ideologici piuttosto che quelli strettamente teatrali.

L'elaborato proposto da Giorgia Vicario con lo pseudonimo “Giovic", si presenta come un “Saggio breve” caratterizzato da una buona capacità di sintesi unita ad un ottimo approfondimento dell'opera sicheriana.

Infine la Giuria si esprime all'unanimità per l'assegnazione del Primo Premio all'elaborato presentato da Ivan Sergio Castellani con lo pseudonimo “Senza Suggeritore” e dal titolo: “Ogn'Arme è lecita contro l'Oppressore- Le Commedie del Poeta Cangio.”

MOTIVAZIONE del testo vincitore:

“Il lavoro ha il pregio di offrire una esaustiva ed approfondita ricostruzione dell'opera teatrale del Sicheri collocandola efficacemente nel suo contesto storico-risorgimentale. Il lavoro è frutto di una ricerca attenta, condotta sulla base di fonti primarie e secondarie che approfondiscono adeguatamente gli aspetti stilistici e formali dell'Opera del Sicheri, restituendoci altresì un convincente profilo biografico dell'Autore e pervenendo ad esiti interessanti e in parte anche inediti. Lo studio di Castellani si avvale infine di un accurato apparato critico e bibliografico dove emergono pure gli aspetti più propriamente teatrali di un drammaturgo ritrovato.”

Considerando il valore dell’elaborato, la Giuria ne auspica la pubblicazione e si augura che possa valere come punto di partenza per nuove ricerche e ulteriori spunti di riflessione sia in ambito accademico, che in quello storico, o della “cronaca giornalistica”.

I membri della Giuria:

Marco Bellabarba
Giuseppe Liotta
Erminio Rizzonelli

 

Parlano di noi...

Giovanni Battista Sicheri, nasce il Premio letterario

Stenico, per valorizzare la figura e le opere del poeta

Il Circolo Culturale Giovanni Battista Sicheri di Stenico, impegnato nella valorizzazione del personaggio risorgimentale e letterato Giovanni Battista Sicheri, ha indetto un premio letterario alla sua memoria: si tratta di un concorso biennale a livello nazionale per lo studio della figura e delle opere del poeta giudicariese, nato a Stenico il 27 marzo 1825.

«Mentre sul personaggio e la sua storia si è scritto e commentato abbastanza, e non sempre in modo univoco e concorde - spiega il Circolo -, riguardo alle sue opere poetico-letterarie si è detto poco o niente.
Da qui nasce l’idea di un nuovo progetto culturale: l’istituzione di un premio letterario a lui intitolato, che darà conto dello spessore culturale di Sicheri».

L’iniziativa, presentata ufficialmente il 26 novembre nella sala consiliare del comune di Stenico, avrà cadenza biennale e portata nazionale. A introdurre la presentazione del premio, parlando dell’autore noto anche come «il poeta Cangio», l’entusiasmo di Giacomo Bonazza, poi è entrata nel merito storico-linguistico delle commedie la professoressa Anna Riccadonna, mentre Graziano Riccadonna, presidente del Centro Studi Judicaria, ha ricordato le tappe della riscoperta di Sicheri, caduto sostanzialmente nell’oblio per molti anni. «Come amministrazione abbiamo accolto volentieri questa idea - ha detto la sindaca Monica Mattevi - e mi congratulo personalmente con il circolo per questa iniziativa culturale: sono da sempre convinta che non ci dobbiamo occupare solo di opere pubbliche, ma che si debba garantire la giusta attenzione ai temi culturali. L’auspicio è che ci siano molti partecipanti e che le opere di Sicheri siano sempre più valorizzate».

In questa prima edizione il Circolo ha deciso di concentrarsi sulle opere teatrali, anche in seguito al successo ottenuto dalla rappresentazione di due commedie di Sicheri che hanno portato al 1° premio al concorso regionale Sipario d’oro nel 1993 e nel 2017, con l’ambizione di conoscere e definire la valenza artistica e letteraria dello scrittore stenicense. È possibile partecipare individualmente o come classe scolastica presentando, entro il 31 maggio 2018, un saggio che verta su una delle tre opere conosciute di Giovanni Battista Sicheri: «La Garibaldina», «Tribunali Giudicariesi» (nella foto in alto) e «L’Usuraio». I primi tre classificati otterranno un premio rispettivamente di 800 euro, 450 euro e 250 euro.

In Comune si presenta oggi il concorso letterario Sicheri

STENICO. Viene presentato oggi il concorso letterario nazionale dedicato a Giovanni Battista Sicheri, il garibaldino di Stenico (1825 - 1879), che è anche autore di alcune commedie e poemi. L'ultima commedia, Tribunali Giudicariesi è stata portata in scena quest'anno da un pool di compagnie filodrammatiche, sotto la regia del giovane Jacopo Roccabruna ed ha avuto un successo inatteso. Rappresentata ben undici volte in vari teatri del trentino, ha partecipato all'edizione 2017 del concorso “Sipario d'Oro” vincendo il primo premio sia della giuria che del pubblico, cosa che accade molto raramente.

Il premio ha cadenza biennale e vuol partire con l'analisi delle commedie; poi, a seguire, le altre opere letterarie. Il premio ha valenza nazionale e la giuria è composta da docenti universitari in modo tale da garantire la massima serietà, competenza, imparzialità e professionalità.

La presentazione del progetto e del bando del concorso letterario si tiene oggi alle 15 nella sala consiliare del Comune di Stenico. (g.r.)